Descrizione Progetto

Metodo di alfabetizzazione emotiva attraverso l’uso dell’arte in ogni sua forma.

IL PROGETTO

ArtisticaMente è un metodo di alfabetizzazione emotiva che usa l’arte come linguaggio privilegiato per il riconosceimento, l’espressione e la condivisione del mondo interiore che ogni bambino ha dentro di sè. Nella realtà odierna la complessità è esplosa mettendo l’individuo davanti ad una vastità di informazioni, immagini e nozioni difficili da gestire. Nel bambino questo turbinio complesso risulta ancora più grande e soffocante, portando spesso ha reazioni incontrollate, emozioni forti che generano disarmonia nella crescita e reazioni opposte seppur entrambe specchio del medesimo disagio: da una parte episodi di bullismo, supremazia e mancato rispetto dell’altrui persona e dell’autorità, dall’altra eccessi di chiusura, sfiducia in sé stessi e incapacità di gestire rifiuti e fallimenti. ArtisticaMente ha l’obbiettivo di inserirsi in questo turbinìo per aiutare il fanciullo a fare ordine, a trovare un modo per dare un nome ai vari aspetti della complessità che lo circonda in un ambiente sereno, ove un tempo lento e un clima di fiducia e di rispetto gli diano la solidità necessaria per poter sperimentare e conoscere. Il mondo interiore, le emozioni provate, i sentimenti forti sono tutti aspetti che il bambino, soprattutto nella prima infanzia, non riesce a gestire poiché ai suoi occhi sono invisibili, non analizzabili attraverso i cinque sensi. Eppure quanto è attento ed interessato già il lattante quando osserva il sorriso della mamma o che espressione corrucciata quando osserva le lacrime. Partendo dalla semplice osservazione e via via sperimantando, i ragazzi prendono confidenza con ciò che provano dandogli un nome, una forma, un colore, una collocazione mentale e fisica. Per fare questo vengono applicate diverse forme di linguaggio privilengiando la forma artistica come strumento adatto alla spontaneità e all’espressività più pure.

A CHI È RIVOLTO

ArtisticaMente è rivolto a bambini di tutte le età, e ai loro adulti di riferimento che li accompagnano, e usa differenti tipi di linguaggio in base al target cui si riferisce. In generale il metodo è ideato per gruppi dai 5 ai 20 bambini circa per permettere un’interazione diretta in dinamiche sociali e di cooperazione. A causa delle differenti competenze acquisite durante le varie fasi della crescita generalmente prediligiamo distinguere i gruppi in fasce d’età omogenea: pur apprezzando la ricchezza portata da gruppi multiclasse, trattandosi di tecniche espressive dobbiamo tenere conto delle effettive possibilità applicative dei bambini e prediligere quindi la distinzione in fasce d’età distinte. Pertanto solitamente costituiamo gruppi così formati:

  • 7 mesi (o comunque a raggiungimento della posizione seduta) – 18 mesi
  • 18 mesi – 3 anni compiuti
  • Dai 4 ai 6 anni • Dai 6 ai 9 anni
  • Dai 10 ai 14 anni

Per i bambini fino ai 3 anni l’obbiettivo è di coinvolgere anche uno o più adulti di riferimento nell’esperienza laboratoriale (generalmente si tratta di genitori, ma via libera anche ad accompagnatori quali nonni, fratelli maggiori, maestre, tagesmutter, baby sitter….) poiché ulteriore finalità è quella di agevolare una migliore comunicazione bambino/adulto: il laboratorio, infatti, può essere un momento privilegiato ed intimo per un’osservazione più completa e complessa dell’interazione fra coetanei e per sviluppare un linguaggio comune condiviso. Inoltre può essere un luogo di conoscenza e di incontro anche fra adulti con bambini della stessa età. Tale aspetto può essere introdotto anche per le fasce di età successive. Non esistono limiti fisici, psicologici o culturali per partecipare: i percorsi di ArtisticaMente sono nati per favorire la comunicazione fra individui attraverso l’uso di linguaggi universali quali la musica, il colore, l’espressione corporea. Pertanto il rispetto dell’altro nella bellezza di tutte le sue differenze è elemento privilegiato di arricchimento per il gruppo e per il progetto stesso.

GLI INCONTRI

ArtisticaMente è un metodo di lavoro e, in quanto tale, può esprimere al meglio sé stesso sul lungo periodo. Tuttavia, per venire incontro alle diverse possibilità e contesti d’uso, ogni laboratorio pensato come autoconclusivo, per permettere a quei bambini che non possano presenziare in maniera continuativa di avere comunque un’esperienza piena e soddisfacente. Inoltre l’autoconclusività permette ad eventuali educatori che lo volessero, laddove il progetto parta in una scuola, un nido o altro ambito educativo, di approfondire con il gruppo di lavoro l’argomento affrontato, offrendo così una possibilità di esplorazione e analisi ancor più completa e in continuità con il progetto stesso. Punti fermi di ogni incontro sono:

La lettura di libri per bambini e ragazzi. Fanno infatti parte dello staff di ArtisticaMente volontari del progetto Nati per Leggere il cui fine è proprio la condivisione dell’amore per la lettura ad alta voce, con la scelta di testi “belli”, per contenuti, stili ed immagini e diffondendo l’enorme valore e piacere che l’oggetto libro porta con sé.

La rappresentazione visiva sia essa pittorica, plastica o grafica. Il colore è un elemento indispensabile del metodo ed esso esprime al meglio sé stesso nelle arti visive che siano particolarmente manipolatorie e “toccabili” dal bambino. Via libera quindi all’uso di tempere, pastelli, pennelli, ma anche colori spry ed acrilici per i più grandi, spesso su ampi fogli e grandi superfici in modo che i ragazzi possano toccare con mano le proprie emozioni ed espressioni.

La musica in ogni forma possibile, sia riprodotta sia suonata dal vivo. Linguaggio universale e condiviso, la musica ha dato dimostrazione di sé e del suo potere aggregante, espressivo e liberatorio in tutte le culture e tutti i periodi storici. Per noi non esiste musica di serie A e di serie B: la insostituibile musica classica si succederà a ritmi più moderni e popolari, in modo che siano i ragazzi stessi ad imparare nel tempo e con l’ascolto a formare il proprio orecchio, a riconoscere il bello e ciò che è stilisticamente e ritmicamente più affine al mondo interiore che vogliono esprimere.

Teatro e danza: come sempre anima, mente e corpo non viaggiano separati, per quanto spesso ce ne dimentichiamo! E’ anzitutto attraverso il movimento corporeo che esprimiamo il nostro stato interiore (lacrime, abbracci, sorrisi). Grazie a giochi motori, danzando su differenti musiche, studiando i volti dell’altro come ad uno specchio, impariamo a riconoscere le emozioni non solo in noi stessi, ma negli altri, gettando le basi di un’empatia sociale che oggi tende a scomparire dietro ai monitor ed ai social e che torna invece ad essere tanto fondamentale per una crescita armonica ed equilibrata.

Il Gioco: è questo infatti il modo in cui i bambini e i fanciulli imparano anzitutto. Questo elemento diventa quindi fondamentale per “arrivare” al bambino ed è strumento principe affinché i messaggi arrivino al destinatario. Grande spazio viene quindi dato ai giochi di ruolo, ai giochi cooperativi e ai board game dall’alto contenuto educativo e sociale in modo che l’esperienza sia fissata nella memoria e sia, diciamocelo, divertente!

LE LOCATION

ArtisticaMente si presta a differenti contesti d’uso. Dalle scuole alle case delle tagesmutter, dalle gallerie d’arte ai musei, dalle biblioteche ai negozi per la prima infanzia, dai centri sociali ai circoli, arrivando a ludoteche e centri di aggregazione giovanile. Abbiamo portato ArtisticaMente in tutti questi luoghi e l’idea è di spaziare anche oltre, arrivando nelle piazze con il progetto ArtisticaMente On the Road e proponendo progetti di riqualificazione urbana per cui coinvolgere ragazzi delle scuole primarie, secondarie e superiori in progetti artistici che siano permanenti o temporanei per riappropriarsi del proprio territorio: osservandolo, analizzandolo, ripensandolo e personalizzandolo affinché diventi luogo di bellezza e di consivisione, per esprimere il proprio legame con l’ambiente che ci circonda e che nutre la nostra mente e il nostro corpo.

Sarà premura del nostro staff preparare di volta in volta un percorso personalizzato in base al contesto, all’età e agli obbiettivi che verranno definiti in fase di avvio del progetto. Per nostra natura crediamo molto al lavoro di squadra e di gioiosa cooperazione il cui unico fine sia quello del benessere e della consapevolezza dei nostri ragazzi, affinché l’arte possa essere per loro una risorsa concreta di espressività, cooperazione, aggregazione e sviluppo di senso etico e sociale.

Metodo di alfabetizzazione emotiva attraverso l’uso dell’arte in ogni sua forma.

LO STAFF

Valeria, 17 luglio 1974, due figli, è la Tagesmutter dedicata a questo progetto. Si impegna per offrire ai bambini un’atmosfera stimolante, esperienze attraverso le quali prendere coscienza di sé, di chi sono, di cosa sanno fare. Vive con i bambini il loro tempo, nel rispetto del personalissimo percorso di ognuno.

Offre l’occasione dello stare insieme e condivide la passione per la lettura: perché il libro è voce, la voce di chi mi vuole bene; è un mondo di parole nuove; è emozione, esperienze da vivere; è suono, ritmo, musica, segno, arte, bellezza.  E’ educazione all’ascolto, di sé innanzitutto e degli altri.

Non manca nel suo percorso la musica, come presenza quotidiana: occasioni di divertimento, di gioco, di espressione di idee ed emozioni.